NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Cosa sono i cookie

mediciinafrica.it utilizza i cookie per rendere i propri servizi semplici e efficienti per l’utenza che ne visiona le pagine. Un "cookie" e' un file di testo che viene salvato sul vostro computer o periferiche mobili da una pagina web, che contiene quantità minime di informazioni nei dispositivi in uso. Vi sono vari tipi di cookie, alcuni per rendere più efficace l’uso del Sito, altri per abilitare determinate funzionalità.I "cookies" non possono essere utilizzati per inoculare virus nel vostro computer.

Esistono due tipi di cookie. Il primo tipo salva un file sul tuo computer per un lungo periodo di tempo e può rimanere sul tuo computer dopo lo spegnimento. Questi cookie possono essere utilizzati, per esempio, per comunicare a un visitatore quali informazioni del sito sono state aggiornate dalla sua ultima visita al sito. Il secondo tipo di cookie è detto "cookie di sessione". Durante la visita a un sito i cookie di sessione vengono memorizzati temporaneamente nella memoria del tuo computer, ad esempio per tenere traccia della lingua prescelta nel sito. I cookie di sessione non vengono salvati per un lungo periodo di tempo sul tuo computer, ma scompaiono quando chiudi il browser Web o dopo un breve periodo

 

mediciinafrica utilizza esclusivamente cookie “tecnici”, quali i cookie di navigazione o sessione, quelli di funzionalità e quelli analitici. Nello specifico:

 

- Cookie di navigazione o sessione

Specificatamente, vengono utilizzati cookie di navigazione o sessione , diretti a garantire la normale navigazione e fruizione del sito web, e quindi finalizzati a rendere funzionale ed ottimizzare la stessa navigazione all’interno del sito. 

 

- Mappa

mediciinafrica utilizza lo strumento di Google, Google Maps, per farti vedere dove siamo: puoi leggere ulteriori dettagli QUI.

 

- Cookie analitici

Infine, sono presenti cookie  analytics, attraverso il servizio Google analytics per raccogliere informazioni, in forma aggregata ed anonima, sul numero degli utenti e su come gli utenti visitano il sito. I dati acquisiti tramite Google analytics potranno essere utilizzati anche da Google, secondo i termini di servizio predisposti dalla stesso. Puoi leggere ulteriori informazioni QUI

 

Installazione /disinstallazione cookie. Opzioni del browser

Puoi evitare la registrazione dei cookies sul tuo dispositivo configurando il browser usato per la navigazione: se utilizzi il Sito senza cambiare le impostazioni del browser, si presuppone che intendi ricevere tutti i cookies usati dal Sito e fruire di tutte le funzionalità.

Con la maggior parte dei browser Internet è possibile impostare il browser per bloccare i cookie, eliminarli dal disco rigido del proprio computer o segnalare all'utente che una pagina Web contiene dei cookie prima che il cookie venga salvato. Per maggiori informazioni su queste funzioni, consultare le istruzioni o la guida in linea del proprio browser. Alcune delle nostre pagine Web potrebbero non funzionare correttamente senza l'uso dei cookie.
Qui sotto la procedura per i principali browser:

 

 

I pigmei

I pigmei

I villaggi africani sono quasi sempre magnifici, immersi nei colori della terra rossa e della verde natura lussureggiante. Ma le grandi città sono squallide, un insieme di case sporche e cadenti, di strade, fangose o polverose e di moltitudini di persone in evidente stato di indigenza.
Anche Bukavu non sfugge a questa regola; ha una splendida vista sul lago di Kivu all'estremo confine nord-est del Congo ma le costruzioni sono decisamente brutte e le strade le più dissestate che si possano immaginare. Alla periferia di questa città c'è l'ospedale di Nyantende, nel quale sto lavorando con la onlus "Medici in Africa". Oggi però sono venuto per alcune consulenze all'Ospedale generale di Monvu, che si trova nella grande isola di Idjwi, al centro del lago di Kivu. Abbiamo attraversato il lago su una barca a motore e dopo circa un'ora di navigazione siamo arrivati nei pressi dell'ospedale. Questa zona è abitata da una delle poche comunità di pigmei esistenti al mondo.
Dopo le consulenze, insieme al capo infermiere, abbiamo visitato il villaggio dove vive la tribù pigmea. Il mio accompagnatore e' una specie di gigante nero dallo sguardo dolcissimo e mi ricorda tanto il protagonista del film "Il miglio verde".
Questa zona è abitata da una comunità di pigmei che conta circa 3000 individui; è una delle tante sparse nell'Africa equatoriale, oltre che in Congo, in Ruanda, in Repubblica Centro-africana ed in Uganda. Il totale pare che superi le centomila unità ma ogni comunità, vivendo in ambiente diverso e separato dalle altre, può avere sviluppato abitudini e tradizioni differenti. La nostra tribù che pare avere origini e tradizioni antichissime, ha modificato molte usanze a partire dai primi anni '90 per le importanti variazioni ambientali. Infatti, adusi a vivere nella foresta e a cibarsi dei prodotti naturali, negli ultimi tempi, a causa della massiccia deforestazione, hanno iniziato a cercare di sopravvivere coltivando cereali e la manioca.
La razza presenta come caratteristica costante la bassa statura, con proporzioni assolutamente armoniche. L'altezza è comunque estremamente variabile anche se non supera mai il metro e mezzo. Ma questo non è il parametro più importante che li contraddistingue, in questa regione vi sono infatti molti africani "non pigmei" più piccoli. I veri pigmei si riconoscono prevalentemente dai tratti somatici del viso, a volte bello, ma con le bozze frontali particolarmente evidenti e gli zigomi alti e sporgenti.
Vi è un'altra caratteristica specifica di questa etnia, ed è il carattere decisamente forte e bizzarro che porta spesso gli appartenenti a questa razza a manifestazioni eclatanti di disperazione o di ira quando contrastati in qualche desiderio, per quanto futile. Racconta il mio accompagnatore che spesso, quando si propone ad un pigmeo un ricovero più lungo o più breve di quello atteso, le scene che ne seguono sono assolutamente teatrali, con rovesciamento di mobili e minacce di suicidio.
L'altra caratteristica certamente meno conosciuta è quella di una particolare elasticità nel corpo e nei movimenti delle pigmee. Questa elasticità è presente soprattutto nella regione del bacino, soprattutto nelle donne e fa si che sia estremamente raro dover ricorrere al taglio cesareo per la nascita di un bimbo. Ma soprattutto determina nelle pigmee che ne fanno sapiente uso, delle capacità amatorie che le fanno considerare dagli altri africani come delle amanti davvero eccezionali. L'educazione che poi tradizionalmente ricevono dalle madri e dalle anziane della famiglia le porta anche ad essere estremamente dolci, fedeli e grandi lavoratrici. Insomma una vera fortuna per chi le sposa! Mi raccontano che per questo motivo molti africani di questa regione cercano di prendere in moglie donne pigmee, logicamente contrastati dai maschi pigmei che non intendono rinunciare a loro e non intendono convolare con le altre africane. Anche perché quando un pigmeo si sposa con una appartenente alla propria etnia sa che potrà oziare tutto il tempo, servito e riverito dalla moglie. L'unico suo impegno sarà quello di costruire la casa, perché poi tutto il resto sarà a carico della donna.
L'uomo terrà per sé anche gli impegni sociali e soprattutto le riunioni dei "notabili" cioè dei capifamiglia. In queste adunanze si prenderanno le decisioni che riguardano i singoli componenti o la comunità nel suo complesso. Si dovrà decidere l'eventuale coltivazione di nuovi prodotti, considerare l'occupazione di nuovi territori o i rapporti con le religioni: in questa comunità la religione prevalente è quella protestante anche perché protestante è l'unica chiesa qui presente. La frequenza scolastica è piuttosto bassa e non supera il 10% ma tra gli allievi pare che ve ne siano alcuni molto bravi. Malgrado questo, la popolazione africana locale considera i pigmei di intelligenza inferiore. Ciò mi fa ritenere che quello che dicono gli europei che vivono qui da molto tempo possa essere vero: che gli africani sono molto più razzisti di noi!

Letto 681 volte

I Report delle missioni

Medici in Africa Onlus

  • Mobile: 349 81 24 324 Fisso: 0108495427
  • mediciinafrica@unige.it
  • Via G Maggio 4/6, Genova
  • Orari di segreteria 09.45-13.45

 

Termini e condizioni di utilizzo del sito

Trattamento dei dati personali

Seguici su Facebook

Mappa

© 2017 Medici in Africa. Codice Fiscale 95111200101. All Rights Reserved.

Search